bambini · TESTATI PER VOI

Vicks BabyRub: mai più notti insonni con il massaggio lenitivo e rilassante per bebè

Siamo in piena fase nervosa post vaccino. Non si mangia, non si dorme e si piange molto. Oltretutto venivamo già da giorni terribili a causa dei primi dentini. Mi sento quindi, già abbastanza esausta. Ieri notte sono stata a passeggio per casa credo fino alle 4, poi non ricordo forse sono svenuta. Per stanotte vorrei tanto poter dormire qualche ora di fila, non dico tanto ma almeno 3 (dopotutto mi accontento di poco).
Abbiamo fatto il bagnetto, cenato (poco ma meglio che niente), messo il pigiamino ed ora anche un bel massaggio con Vicks BabyRub. Ho da poco scoperto questo prodotto e devo dire che me ne sono innamorata dalla prima applicazione. Sarà stata la profumazione che ha conquistata, o il fatto di essere riuscita a tenere ferma la belva per 10 minuti semplicemente con una dolce coccola, fatto sta che BabyLele come vede il barattolino dal tappo rosa inizia a verseggiare, e se non lo prendo… a piangere. Stasera era particolarmente agitato e quindi ha apprezzato ancor di più questa nostra coccola, al punto tale di non volermi far smettere (non parla ancora ma una mamma certe cose le capisce).
Vicks BabyRub è un cosmetico unguento con estratti naturali rilassanti, a base di Aloe Vera ed essenze di Rosmarino e Lavanda, ad azione lenitiva e rilassante per fare dolci massaggini per i più piccoli. Ha la stessa consistenza del più noto Vicks VapoRub, ma una profumazione più delicata e meno invasiva, quindi maggiormente adatta alla pelle delicata e al naso dei neonati.

Ormai il massaggio serale è diventato il nostro momento Gold prima della nanna, sul divano solo noi due, la luce spenta o quasi e la musica di sottofondo. Un momento di vero relax per lui, ma anche per me.
Empatia, connessione, affetto, stima, gioia, scoperta: quella che per noi è solo una dolce coccola per il nostro bambino è molto di più. Il massaggio per bebè è davvero un modo di fare del bene ai nostri piccolini.

Io ancora ricordo i Natali a casa dei nonni, con il freddo e la neve fuori, il camino acceso e mia nonna che ogni sera prima di andare a letto mi spalmava il magico unguento (il VapoRub). Il suo odore è l’odore delle mie vacanze, della mia infanzia.

Ora tocca ai mie bambini, ai loro ricordi, alle loro vacanze.

Vicks BabyRub è un prodotto appositamente sviluppato per idratare, lenire e rilassare dolcemente il bambino. È fatto con Aloe Vera, olio di cocco e paraffina morbida bianca, noti per i loro benefici idratanti ed emollienti della pelle. Vicsk Baby Rub contiene inoltre profumi di lavanda e rosmarino, noti per i loro benefici calmanti e rilassanti.

ALOE VERA: è una pianta conosciuta per le sue proprietà curative. L’estratto di aloe rinfresca e nutre la pelle, grazie al suo apporto di vitamine.

ROSMARINO: è una pianta di straordinaria efficacia terapeutica. Si usa per lenire diversi tipi di dolori muscolari e articolari. La sua essenza regala una sensazione stimolante e revitalizzante.

LAVANDA: viene utilizzata in numerosi trattamenti per le sue proprietà rilassanti. Il suo profumo riduce lo stress del bebè e lo prepara alla nanna.

Un massaggio con BabyRub può aiutare la pelle del bambino a trattenere l’umidità e rimanere morbida ed idratata, migliorando il comfort del bimbo. Si può utilizzare su petto, collo, schiena e pianta dei piedi per idratare e lenire la cura del bambino.

Sviluppato appositamente in collaborazione con esperti dermatologi, Vicks BabyRub è adatto per bambini di età pari o superiore a 6 mesi. Ha una lunga storia negli Stati Uniti, in Canada, in Australia e in Nuova Zelanda.

Il costo è di poco meno di 10 euro a confezione è dura davvero tantissimo, perché basta qualche dita di unguento per un massaggio fantastico.

Provare per credere.

#massaggiobabyrub

Annunci
bambini · TESTATI PER VOI

Piccoli bambini crescono con le tazze My Grippy di Philips Avent

Da quando BabyLele ha iniziato il suo approccio al mondo del food & beverages dei grandi, per me sono iniziate le battaglie continue tra biberon, tazze, bottigline e accessori vari. Le lavastoviglie avviate giornalmente ormai non si contano, e ogni mattina mi ritrovo migliaia di pezzi da ricomporre.

Di supporti per bere ne abbiamo da vendere, diversi li ha ereditati dal fratello (dopo aver accuratamente sostituito i beccucci) e altri li ho acquistati in questo 2018. Mille colori e mille modelli, eppure di bere da solo non se ne parla.

Di recente ho avuto modo di fargli provare la nuova tazza My Grippy di Philips Avent con beccuccio morbido (esiste anche la versione con il beccuccio rigido ma dal 12mesi a salire, la versione morbida dai 9 in su).

La My Grippy è perfetta per far abituare i piccoli a bere in autonomia, senza sporcare in quanto è a prova di perdite, perché dotata di una Valvola progettata per bere senza sgocciolare.

L’esclusiva valvola garantisce che il liquido fluisca soltanto quando il bimbo succhia, quindi non hai da preoccuparti per piccole perdite, o che si rovesci la tazza, l’82% delle mamme afferma che questa tazza è a prova di perdite.

Il beccuccio della tazza My Grippy è ultra-resistente ai morsi dei dentini, per aiutare i neonati nei loro primi sorsi. Il mio BabyLele passa le giornate a mordicchiarla e al momento nessun segno di cedimento del beccuccio.


Ha una forma ergonomica ed è realizzata con materiali antiscivolo. Così aiuta il bambino a diventare più sicuro e indipendente nel bere in poco tempo, grazie a questa tazza è perfetta anche per le mani più piccole.

La tazza con beccuccio Philips Avent My Grippy è costituita da poche parti, per un semplice assemblaggio. È dotata di un igienico tappo che mantiene il beccuccio pulito e tutti i componenti sono lavabili in lavastoviglie per una maggiore comodità.


Come tutte le tazze Avent per bambini, anche questa tazza con beccuccio è realizzata con un materiale che non contiene BPA (0% BPA).

E’ compatibile con tutte le tazze e i biberon Philips Avent, esclusi i biberon in vetro e le tazze per grandi. In questo modo, si possono abbinare le parti di diversi prodotti per creare la tazza più adatta alle specifiche esigenze di sviluppo del bambino.

La My Gryppy vuole aiutare i bambini a bere da soli, facilitando la transizione dall’allattamento al seno o al biberon alla tazza aperta. Ispirate alle ricerche dei professionisti della salute, le diverse soluzioni con tettarelle, beccucci morbidi e rigidi, cannucce e bordi per bere a 360° seguono lo sviluppo del bambino e stimolano le sue nuove capacità motorie, aiutandolo a bere in modo sempre più autonomo.

Per noi, dopo i primi 30 giorni, prova sicuramente superata.

bambini

Chi ha paura della Pantera Nera? Allo zoo di Napoli arriva MORO

Dal 6 ottobre allo Zoo di Napoli si potrà ammirare la Pantera (Panthera pardus) appena arrivata, nell’area dedicata ai felidi, dove è già il gattopardo, il leopardo, il caracal, il leone e le tigri. Il suo nome è Moro, è nata nel 2003, ed è un maschio, dal caratteristico manto nero. Proviene da un centro di recupero per animali selvatici in Spagna, ed è stato assegnato allo Zoo di Napoli per accudirlo e curarlo nel migliore dei modi. Pantera neraè il nome comune con cui vengono indicati gli esemplari neri di alcune specie di felidi, come il Leopardo.

Atteso dai veterinari e i keeper del giardino zoologico, vivrà in un exhibit pensato per assecondare le sue esigenze, di felide che ama arrampicarsi sugli alberi, dove trascorre la maggior parte del suo tempo, o dove nascondersi semplicemente sdraiato tra i cespugli. Un ricovero al coperto, lo accoglie nelle ore notturne e quando preferisce nel corso della giornata, mente l’arricchimento della sua area, studiato dai keeper, gli permetterà di mantenersi sempre in attività e procurarsi il cibo in zone dell’exhibit che dovrà scoprire volta per volta.

Il magnifico Moro pesa 33 kg e nonostante la sua mole si confonde facilmente con la vegetazione, per il suo indecifrabile colore, un misto di blu-nero-grigio e viola del manto.

Per chi arriva allo Zoo dall’Ingresso del Leone in Via Arturo Labriola 74, sarà una sorpresa ammirare la nuova fattoria, adatta soprattutto ai bambini più piccoli che possono interagire con le caprette e vivere interessanti esperienze didattiche, per poi proseguire verso i felidi ed essere tra i primi ad ammirare Moro.

Zoo di Napoli Entrate: Via Arturo Labriola, 74 Napoli (adiacente Piscina Scandone, solo nel week end); Via John Fitzgerald Kennedy 76, Napoli, (tutti i giorni)