Consigli · DIVENTARE MAMMA

Philips Avent presenta il nuovo ciuccio ultra air studiato per la pelle delicata dei neonati

Royal Philips (NYSE: PHG, AEX: PHIA) presenta il nuovo succhietto ultra air.  La suzione è un riflesso naturale nei neonati ed è proprio grazie alla suzione che il bambino si tranquillizza e si rilassa [1] .

Philips Avent realizza succhietti che hanno come obiettivo il benessere dei bambini, in ogni fase del loro sviluppo.

La pelle del bambino è particolarmente delicata, ogni mamma lo sa bene. Per questo motivo Philips Avent ha realizzato il nuovo succhietto ultra air, progettato per far respirare la pelle sensibile del neonato.

Ideale per la pelle sensibile dei bambini

Gli ampi fori dello scudo e il suo design leggero favoriscono il passaggio dell’aria. In questo modo la pelle del bambino rimane asciutta anche mentre utilizza il succhietto.

Rispetta lo sviluppo del cavo orale

La tettarella ortodontica in silicone dalla forma piatta e simmetrica, è morbida come seta e rispetta il corretto sviluppo del cavo orale del bambino durante la sua crescita.

Amato dai bambini

Il succhietto ultra air è particolarmente amato dai bambini, con un tasso  di gradimento del 98% [2] .

Prodotto nello stabilimento Philips Avent nel Regno Unito, il nuovo ciuccio ultra air è senza BPA ed è venduto in una comoda custodia che ne permette il trasporto e la sterilizzazione nel microonde. Disponibile in allegre versioni decorate o in tinta unita per le fasce di età 0-6 mesi e 6-18 mesi.

Prezzo al pubblico consigliato: 11,99 euro (confezione da due)

Raccomandazioni d’uso:

È importante sostituire regolarmente il succhietto e controllarne periodicamente l’integrità. L’utilizzo del succhietto non è raccomandato oltre i 36 mesi di età.

Annunci
DIVENTARE MAMMA

Bimbi prematuri, uno su due ha disturbi di linguaggio e apprendimento

I bambini prematuri sono piccoli guerrieri che lottano contro il tempo, un tempo prima troppo veloce e poi troppo lento.
Io di bimbi prematuri ne ho avuti 2 in anni diversi, in condizioni di salute diversa , ma entrambi guerrieri combattenti che trascinano anche noi genitori nella loro corsa di rimonta.
Ricordo ancora quei lunghi interminabili giorni in terapia intensiva (che brutta parola intensiva…intense sono le emozioni, le lacrime e l’amore che si prova in quella stanza). Continue reading “Bimbi prematuri, uno su due ha disturbi di linguaggio e apprendimento”

DIVENTARE MAMMA

Auchan festeggia le mamme con una giornata di benessere

Lo scorso anno poco prima della nascita del mio secondo piccolino ho partecipato ad una giornata di festa per le mamme organizzata da Auchan.

La giornata fu un successo tra utili info, gadget, foto, dolcetti e belly painting, così Auchan ha deciso di riproporla.

Appuntamento per la Campania lunedì 12 febbraio presso il centro commerciale di Giugliano. Per le mamme e le future mamme sarà possibile partecipare ad un incontro con una psicologa per riflettere sulle emozioni contrastanti che ogni mamma vive e scoprire come dare la giusta carica alla giornata da mamma grazie ad una corretta alimentazione (per la mamma e per il bambino).

Ampio spazio anche al relax, con momenti dedicati al make up con specialisti a disposizione per una sessione di trucco veloce con i prodotti Cosmia, e per le pancine sarà possibile colorare il pancione, ricevendo in regalo anche una foto ritratto! Questa fu la mia foto ricordo della giornata e fa parte della mia borsa dei ricordi della gravidanza di Lele.

Tanti saranno i gadget e i momenti di riflessione e divertimento, appuntamento quindi da non perdere per vivere la maternità con allegria e consapevolezza.LUNEDÌ 12 FEBBRAIO

Centro Commerciale AUCHAN GIUGLIANO

Via Santa Maria a Cubito, 80014 Giugliano in Campania NAPOLI (NA)

PROGRAMMA

10.00 » 16.00

Prenditi il tuo tempo

Make up specialist

a tua disposizione by COSMIA per una mamma sempre di fretta

Belly Painting

trasforma il tuo pancione in una vera e propria opera d’arte

Regalati un ricordo

Uno scatto fotografico solo per te

10.00 » 10.50

Sono una mamma? HELP ME!

Come affrontare questo speciale momento confronto con la dottoressa Anna Bellissimo, Psicologa

11.00 » 11.50

Ci vuole Energia

Come scegliere un’alimentazione corretta confronto con il dottor Roberto Uliano, Biologo Nutrizionista

14.30 » 15.30

Mamme in equilibrio!

Ritrova il benessere a ritmo di Zumba con i trainer del circuito MCFIT

DIVENTARE MAMMA · salute

I Vaccini da fare in gravidanza, proteggere la mamma per proteggere il bambino 

Gravidanza e Vaccini, da sempre convivono di pari passo anche se ancora troppe pochi gestanti sanno quanto sia importante per se stesse e sopratutto per il bambino che si porta nel grembo la vaccinazione. In Italia la percentuale di donne che si vaccinano in gravidanza è ancora troppo bassa, con rischi notevoli per il feto e il neonato, in quanto le  gestanti hanno più possibilità di contrarre malattie infettive rispetto alle loro coetanee non gravide. Secondo l’Istituto Superiore di Sanità, una donna su tre non sa se è protetta contro la rosolia e solo il 41% delle donne ha effettuato il vaccino, ma con grandi differenze tra il Nord e il Sud della Penisola.

Da anni ormai, l’ Organizzazione Mondiale della Sanità ha disposto la copertura col vaccino antinfluenzale per le donne nel II e III trimestre di gravidanza. Ma dal 2017, con i nuovi Lea c’è  una grande novità, la raccomandazione a tutte le gestanti, tra le 27 e le 36 settimane di gestazione, sull’immunizzazione dalla pertosse col vaccino trivalente (difterite-tetano-pertosse); questa è una decisione contenuta nel Piano di Prevenzione Vaccinale, pubblicato lo scorso febbraio. Io l’ho fatto recentemente intorno alla 32 settimana senza incorrere in nessun effetto collaterale, ho scelto di vaccinarmi perché ritengo essenziale proteggere il mio futuro neonato da una malattia potenzialmente per lui mortale. Purtroppo tra le mie colleghe “gravide” nessuna conosce questa vaccinazione né tantomeno si è vaccinata o è stata allertata sul problema dal suo ginecologo o medico. Troppa e’ ancora l’ignoranza sul tema.

Ci sono, poi, altre infezioni che, se contratte in gravidanza, possono recare conseguenze, sia per la donna che per il nascituro; non essere protetta contro la rosolia, il morbillo, la parotite (orecchioni), la varicella e l’influenza può essere pericoloso durante la gravidanza.

Il virus della rosolia, infatti, può causare aborti o malformazioni gravi del neonato (malformazione cardiaca, cecità, sordità, ritardo mentale), talvolta anche mortali. Il rischio è particolarmente elevato durante il primo trimestre della gravidanza.

Il morbillo presenta invece un rischio d’aborto spontaneo e di parto di un bambino nato morto o prematuro. Il morbillo non causa malformazioni fetali, ma può mettere in pericolo la vita della futura madre se provoca una polmonite o un‘encefalite.

La parotite può aumentare il rischio d’aborto spontaneo, mentre la varicella provoca nell’adulto e, particolarmente nella donna incinta, complicanze molto più frequenti che nel bambino quali polmonite, superinfezioni batteriche, meningite o encefalite; inoltre durante la prima metà della gravidanza, potrebbe causare delle malformazioni congenite con gravi lesioni della pelle, delle ossa, degli occhi e del cervello.

Infine l’influenza stagionale può comportare delle complicazioni respiratorie gravi, che possono condurre al ricovero in ospedale, soprattutto durante il secondo e terzo trimestre della gravidanza e il primo mese dopo il parto.

Vaccino anti-pertosse 

La pertosse è una malattia estremamente contagiosa, a seguito della quale non si instaura immunità permanente. Quando colpisce nei primi anni di vita, può essere molto grave, e nel primo anno è una delle cause più frequenti di morte, che nel 90% dei casi colpisce neonati fino a tre mesi di vita, (età in cui è possibile somministrare la prima dose di vaccino). Per ridurre l’incidenza dell’infezione nei primi mesi possono essere applicate due strategie. La prima è quella del “bozzolo”, che consiste nel vaccinare tutti coloro che sono a contatto col neonato, ma che ha dato risultati solo parziali. La strategia più adeguata è quella di vaccinare la madre durante la gestazione. Il vaccino non ha effetti collaterali e determina un’adeguata produzione di anticorpi che attraversano la placenta e proteggono il neonato.

La prevenzione delle malattie infettive col vaccino attraverso l’immunizzazione delle donne in gravidanza è una delle più grandi conquiste della sanità pubblica a livello mondiale.

La vaccinazione protegge la madre dall’infezione antepartum, migliora gli outcome della gravidanza e riduce gli esiti fetali, ma soprattutto fornisce immunità (passiva) ai neonati durante i primi vulnerabili sei mesi di vita.

I piccoli nati da madri con bassi livelli di anticorpi specifici presentano a loro volta una ridotta difesa anticorpale, che potrebbe non essere sufficiente per proteggerli contro le infezioni. I livelli anticorpali si riducono inoltre progressivamente dopo la nascita, delimitando la cosiddetta “finestra di vulnerabilità” che si estende fino ai 6 mesi e cioè fino a quando il neonato potrà completare le prime vaccinazioni.

In Italia sta lentamente crescendo negli operatori sanitari la consapevolezza dell’importanza di fornire alle madri e alle famiglie una corretta informazione sui vantaggi delle vaccinazioni in gravidanza contro influenza e pertosse, ma deve essere fatto un ulteriore sforzo da parte di tutti i medici di medicina generale, pediatri, ginecologi e ostetriche per supportare adeguatamente una pratica che ha dimostrato poter avere effetti significativamente positivi sulla salute dei neonati e dei lattanti.

Altro vaccino essenziale durante la gravidanza, e che provvederò a fare la prossima settimana è il vaccino anti influenzale.

Vaccino anti-influenzale 

Anche una banale influenza, se la donna non è vaccinata, può causare conseguenze gravi alla madre e al bambino. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), infatti, ritiene le gravide come il più importante tra i gruppi di rischio per i quali è indicata la vaccinazione anti-influenzale, e la raccomanda fortemente in ogni epoca di gravidanza.

La gestante ha un’alterata funzionalità del sistema immunitario e presenta modifiche del sistema cardiocircolatorio e respiratorio che ne aumentano il rischio, non solo di contrarre genericamente l’influenza, ma anche di sviluppare complicanze clinicamente importanti. Il deterioramento delle condizioni materne aumenta inoltre l’incidenza di prematurità e ritardo di crescita intrauterino, mentre la febbre sembra predisporre il feto a sviluppare con maggior frequenza cardiopatie congenite, difetti del tubo neurale e labiopalatoschisi. Infine il lattante, privo di anticorpi protettivi, può contrarre più facilmente forme influenzali anche gravi con maggior tasso di ospedalizzazione, a causa di disidratazione, polmonite e talvolta encefalopatia, e purtroppo anche di morte. La madre vaccinata in gravidanza è invece in grado di trasferire al bambino tassi anticorpali protettivi per tutti i primi sei mesi di vita.

Attualmente non è stato ancora approvato l’utilizzo nei neonati di età inferiore ai 6 mesi di un vaccino antinfluenzale in grado di produrre una efficace risposta immunologica. Questo gruppo di bambini, pertanto, rimane non protetto ed estremamente vulnerabile al rischio di sviluppare gravi malattie.
Gli studi promuovono le vaccinazioni 

Il progetto “Mother’s Gift” di Zaman e colleghi ha dimostrato una riduzione del 63% di influenza con diagnosi certa ed una riduzione del 29% di malattia febbrile nei neonati nati da madri vaccinate, rispetto a quelli nati da madri non vaccinate, con livelli anticorpali protettivi sempre più importanti fino a 20 settimane di vita. Il livello di anticorpi del neonato inoltre può variare anche rispetto al timing della profilassi materna: più alti se la vaccinazione è effettuata nel terzo trimestre di gravidanza rispetto a quella eseguita nel primo o secondo trimestre.


Vaccino anti Mprv 

Come indicato dal Piano Vaccinale, la Sin ribadisce che in previsione di una possibile gravidanza, le donne in età fertile devono assolutamente essere protette da morbillo-parotite- rosolia (MPR) e dalla varicella, dato l’elevato rischio per il nascituro di infezioni contratte durante la gravidanza, specie nelle prime settimane di gestazione, e immunizzate dalla pertosse con il vaccino trivalente (difterite-tetano- pertosse), che può essere somministrato anche tra la 27a e la 36a settimana di gestazione.
Sempre accesa rimane la questione sulla Rosolia, la cui prevenzione comincia in epoca pre-concezionale. Essa infatti è molto pericolosa per l’alto rischio di malformazioni fetali. Il vaccino MPR (morbillo-parotite-rosolia) non è però indicato nei 9 mesi di gravidanza, poiché composto dallo stesso virus vivo, sebbene attenuato. Tuttavia tutte le donne in età fertile e desiderose di prole dovrebbero eseguire il Rubeo-Test, che individua la presenza di anticorpi; se il risultato fosse negativo, sarebbe meglio vaccinarsi subito. Ma se il risultato è negativo nel corso della gestazione, è possibile per la neo mamma la vaccinazione immediata nel post-partum e prima della dimissione ospedaliera. La protezione vaccinale, e la stessa malattia già avuta precedentemente, offrono una protezione per tutta la vita.

DIVENTARE MAMMA

Baby Welcome Party targato Auchan per tutte le future e neo mamme

Da oggi 28 settembre al 4 ottobre Auchan e’ in tour per tutti i suoi centri in Italia con il Baby welcome party,  una festa dedicata a tutte le future e neo mamme. 

Io sono stata nel pomeriggio alla tappa organizzata presso l’Auchan di Giugliano e devo dire che ho passato un paio di ore rilassanti in compagnia di tante mamme panciute tra dolcetti, gadget, belly painting e brevi ma essenziali delucidazioni sui principali dubbi delle future mamme a cura di esperti specializzati nella cura di neonati. 


Il programma e’ lo stesso per tutte le tappe. 

Ore 10:00 – 16:00 Sessioni di Belly Painting 

Trasforma il tuo pancione in una vera e propria opera d’arte

Ore 10:00 – 16:00 Photobooth

Foto ricordo indimenticabile con tanti divertenti gadget

Parliamone con l’esperto

Le mamme potranno confrontarsi e fare domande su tematiche legate alla gravidanza e alla prima infanzia

Ore 11:00 – 12:00 Parliamone con l’esperto1° incontro

Ore 14:00 – 15:00 Parliamone con l’esperto 2° incontro

Tutte le partecipanti riceveranno in regalo una pratica borsa contenente dei prodotti pensati per il loro bebè, offerti da brand sponsor del tour come Mellin, Aptamil, Plasmon, Pampers, Neo Baby,

Io mi sono divertita molto, spero che molte future mamme possano partecipare alle prossime tappe regalandosi un momento tutto per il proprio bambino. 


Ecco il calendario del Baby Welcome Party Tour:

DIVENTARE MAMMA

Le mamme, che esseri fragili! 

Tutti pensano che le mamme siano donne dai superpoteri, dotate della super forza e del super coraggio. Anche io faccio parte di questo filone di idee. Quando è nato vickyvictor il mio mondo è cambiato, io sono cambiata e mi sono scoperta wonderwoman. Poche ore di sonno, molte cose da fare, il lavoro, la casa, l’asilo, mille caffè, etc…quello che però non avevo capito è che esistono mamme forti, ma non mamme coraggiose. Le mamme sono gli esseri più paurosi del mondo. Io sono la donna più paurosa del mondo. Perché quando sei mamma, la paura raddoppia. Non hai più paura solo per te stessa, ma anche per tuo figlio, e questo rende tutto estremamente complicato.

Mi sono scoperta così fragile, come non avrei mai pensato. L’unica cosa che davvero credevo la maternità mi avrebbe portato era il coraggio, invece è stato proprio l’opposto. Così ora mi ritrovo ad essere una super mamma ed una super fifona.

Pensi che il vero amore sia l’unica cosa che possa spezzarti il cuore. La cosa che ti riempie la vita è la illumina, o la distrugge. Poi diventi madre.

Beh ecco quando si diventa madre, succede proprio questo perdi il controllo dei tuoi sentimenti, delle tue emozioni. Io amo essere madre, è tutto quello che ho sempre sognato (beh a parte fare l’astronauta o la pianista) rientro nel cliché della Madre che vede nella maternità il suo tutto, eppure odio questa sensazione di timore che mi perseguita dalla sua nascita.

All’inizio c’è stata la  Paura della SIDS La SIDS (Sudden Infant Death Sundrome) la sindrome della ‘morte in culla’, poi che potesse stare male o farsi male, le prime febbri alte, la bronchite e la polmonite. Ora le paure sono quelle di non essere all’altezza del mio ruolo di MADRE di non offrirgli il meglio, di non poter vivere per sempre, perchè un genitore vorrebbe poter esserci sempre per il proprio figlio. Poi però lo guardo dritto nei suoi grandi occhioni da cerbiatto scuri e profondi e le paure, le ansie svaniscono perchè l’amore di un figlio è più forte di tutto. Come dice il buon vecchio Ligabue: L’amore conta, Conosci un altro modo per fregar la morte?

E vi mammine che paure avete, siete folli come me o fate parte del gruppo delle MAMME ZEN????

Consigli · DIVENTARE MAMMA

Il biberon Natural Philips Avent si arricchisce di allegri decori ispirati alla savana e all’ambiente marino

Dal mese di febbraio, il biberon Natural Philips Avent si arricchisce di nuovi decori ispirati alle atmosfere della savana e dell’ambiente marino. Simpatici tigrotti, teneri fenicotteri e giocose balene, pensati per rendere ancora più allegri i biberon Philips Avent.
Il latte materno è un alimento prezioso ed è importante per le mamme avere alleati che le aiutino ad allattare per tutto il tempo che desiderano. Anche quando non possono più essere tutto il giorno accanto al loro bambino, come ad esempio nel momento in cui rientrano al lavoro.

Per rispondere a questa esigenza, Philips Avent ha progettato il biberon Natural, un’importante tappa nella storia di innovazione che caratterizza il marchio fin dalla sua fondazione, nel 1984.
Il Biberon Natural Philips Avent è stato studiato per facilitare l’allattamento misto grazie a una tettarella dal design ergonomico che riprende la forma del seno materno. La tettarella è ampia, realizzata in morbido silicone e i suoi petali ultra-confortevoli la rendono particolarmente flessibile ed elastica. Il biberon Natural Philips Avent è inoltre dotato di un efficace sistema anticolica, clinicamente testato, che trattiene l’aria all’interno del biberon ed evita che vada nel pancino del bambino.

Il biberon Natural è compatibile con l’intera linea di prodotti per l’alimentazione Philips Avent: questo permette, ad esempio, di avvitare le tettarelle direttamente al contenitore per conservare il latte estratto precedentemente, senza correre il rischio di perdere del latte prezioso dovendolo travasare e senza dover sterilizzare ulteriori recipienti.
Prezzo al pubblico consigliato Biberon Natural Philips Avent 260ml € 10,49