Film

Baby Boss: recensione del nuovo capolavoro della DreamWorks

La verità è che ci abbiamo preso gusto ad andare al cinema, così ogni occasione è buona per impacchettare la famiglia e correre nel nostro maxi cinema preferito. Quando ero solo una giovane donzella fidanzata avevo sempre in tasca l’abbonamento per il The Space, ogni weekend un film, spaziavamo dall’avventura, ai romantici, passando per le serie della Marvel, spendevamo un vero patrimonio in film, ma dopotutto cosa c’è di meglio? Poi sono diventata mamma e il cinema è diventato un miraggio, ora però con il mio amatissimo 4enne abbiamo iniziato una nuova tradizione da cinematografo basata sulla selezione dei migliori cartoon presenti nelle sale. Dopo un bel tour iniziato con la Bella e la Bestia, i Puffi, a Pasquetta dato il tempo incerto e la voglia di non sbatterci troppo in gite e gitarelle abbiamo deciso di andare a vedere il nuovo cartoon della Dreamworks Animation: Baby Boss. Che dire abbiamo riso per quasi 90 minuti no stop. 

Il regista di Madagascar Tom McGrath ci invita a conoscere il più insolito dei bambini. Il protagonista del nuovo film della Dreamworks “Baby Boss”, porta sempre il vestito e ha la voce e l’ironia di Alec Baldwin nella versione originale.

Baby Boss è la divertentissima storia di una famiglia che si trova a dare il benvenuto al piccolo nuovo arrivato, il tutto raccontato dal punto di vista di un delizioso e inaffidabile narratore: un divertente e fantasioso bambino di 7 anni di nome Tim.

Il nuovo film Dreamworks Baby Boss vi insegnerà l’importanza della famiglia in modo impertinente e indimenticabile in questa imperdibile commedia per ogni età.

Il nuovo bebè arriva a casa in taxi, indossa giacca e cravatta e ha in mano una ventiquattrore! La rivalità tra fratelli esplode fin da subito e verrà superata solo nel momento in cui Tim scopre che Baby Boss altri non è che una spia in missione segreta, e che solo lui potrà aiutarlo.

Il fulcro della storia è il calo delle nascite, e tutta la missione gira intorno alla necessità di salvare il mondo dalla mancanza di desiderio di nuovi Bebè.

La scena preferita per il mio cucciolo è senza ombra di dubbio l’introduzione del film, con un divertente e irresistibile preambolo musicale che presenta i due coprotagonisti, Tim il piccolo guerriero e cucciolo di casa e il Boss come un bebè del tutto differente dagli altri negli atteggiamenti come nell’abbigliamento.

Baby Boss è ispirato al libro best seller scritto e illustrato da Marla Frazee nel 2010.

Negli Stati Uniti il film ha totalizzato quasi 50 milioni di dollari nel primo weekend, superando La bella e la bestia e confermandosi uno dei migliori esordi animati degli ultimi anni.

Nella versione originale Tobey Maguire, Tim da adulto, è la voce narrante.

Il regista Tom McGrath  considera Baby Boss una storia molto personale che gli ricorda le dinamiche della sua famiglia. Lui stesso, in quanto figlio minore, era un po’ il baby boss del suo nucleo.

La storia è ambientata in un passato non tanto lontano che mescola insieme gli anni 60, 70 e 80.

Il design dei personaggi è un omaggio ai fumetti classici e ai cartoni di Chuck Jones e di Bob Clampett.

Scheda tecnica

GENERE: Animazione, Commedia, Family
ANNO: 2017

REGIA: Tom McGrath

ATTORI: Alec Baldwin, Lisa Kudrow, Steve Buscemi, Jimmy Kimmel, Tobey Maguire

SCENEGGIATURA: Michael McCullers

MONTAGGIO: James Ryan

MUSICHE: Hans Zimmer

PRODUZIONE: DreamWorks Animation

DISTRIBUZIONE: 20th Century Fox

PAESE: USA

DURATA: 97 Min

FORMATO: 2D e 3D

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...