EVENTI

BIMBI SVOGLIATI A SCUOLA? I CONSIGLI PER AIUTARLI

Come allontanare la difficoltà di concentrazione e partire con il piede giusto
Il rientro o l’inizio di una nuova scuola sono momenti complessi e delicati nella vita di un bambino che, se da un lato comportano la maturazione di nuove risorse e potenzialità, dall’altro possono esporre la struttura psicologica fragile del fanciullo ad una serie di rischi che possono diventare disagi.

 

Come riconoscere i sintomi

Questi disagi difficilmente sono esposti verbalmente ma più spesso emergono attraverso sintomi fisici o con il comportamento, come deficit di attenzione e svogliatezza.

“Non occorre preoccuparsi, è un comportamento normale – spiega la dottoressa Annalisa Vespignani della farmacia comunale n. 3 a Porto Corsini (Ra) -. Si tratta di bimbi che hanno bisogno di maggiori stimoli per affrontare lo studio poiché il bambino alle elementari non è ancora abituato ad assolvere le richieste per dovere e perciò va incoraggiato”.

 

I trucchi per rendere lo studio piacevole

Ad esempio per rendere piacevoli operazioni e divisioni si possono disporre frutti o caramelle sulla scrivania ed inventare storie per contarli, o per rendere più interessante la lezione di scienze si può andare al parco, raccogliere le foglie e creare un bell’album.

“È importante soprattutto alle elementari far vivere al bambino lo studio in maniera serena e divertente senza mai giudicarlo – chiarisce Vespignani -. Va assistito nel fare i compiti gratificandolo senza sostituirsi a lui ed evitando che si adagi sull’adulto”. Molto utile può essere anche la pratica di uno sport in maniera costante, questo servirà al bambino a scaricare le tensioni e lo aiuterà alla vita di relazione e a seguire le regole.

 

L’importanza dell’alimentazione

“Le mamme spesso si rivolgono a noi farmacisti per cercare un rimedio naturale da proporre ai bimbi – aggiunge Vespignani-. Il nostro primo consiglio è quello di fare attenzione alla dieta: eliminare cioccolato, insaccati e cibi grassi in generale, in quanto un’alimentazione ricca di grassi diminuisce l’efficienza delle cellule nervose, peggiora le capacità di apprendimento e mnemoniche e facilità i processi d’invecchiamento cellulare. Fra le proteine sono da privilegiare carni bianche, più semplici da digerire e pesce azzurro, ricco di Omega 3. Sì a frutta e verdura di stagione, meglio se crude per fare il pieno di vitamine”.

 Tra gli integratori naturali reperibili in farmacia è consigliata la pappa reale in quanto ricca di elementi nutritivi utili per favorire la crescita e per svolgere attività mentale, l’eleuterococco, che presenta proprietà immunostimolanti e toniche, l’echinacea particolarmente utile in questo periodo dell’anno per stimolare le difese immunitarie e l’acerola, che fornisce un ottimo apporto di vitamina C naturale. Questi rimedi si trovano in commercio singolarmente in capsule oppure mixati in flaconcini o sciroppi. 

“Per quanto riguarda l’omeopatia – conclude Vespignani – nux vomica in granuli è adatta a contrastare la svogliatezza associata ad irritabilità e mal di pancia mentre kalium phosphoricum è utile per la stanchezza degli studenti che presentano anche insonnia. Tra i fiori di Bach sono consigliati Mimulus e Larch per rinforzare l’autostima e Hornbeam per affrontare la giornata con la mente limpida lasciando spazio anche al divertimento”.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...