ALIMENTAZIONE

Latte Materno: benefici impareggiabili

allattareOggi, nell’epoca del consumismo, le case produttrici di prodotti alimentari industriali  spendono miliardi di capitali  in pubblicità, parlando  di prodotti qualitativamente pari al naturale anche se, oggettivamente, sanno benissimo che le loro produzioni per quanto qualitativamente alte non potranno mai eguagliare un “puro” prodotto naturale (ovvero ottenuto senza alcuna aggiunta di colorante, conservante, additivo, insaporitore) .
Continua però l’ostinata ricerca da parte delle multinazionali alimentari del cliente che “ci casca”,  bevendosi una vecchia storia propinata dagli esperti di marketing, ovvero  che i cibi industriali sono considerati più sicuri, e quindi più sani, di quelli naturali. La storia continua anche una insana abitudine di alcuni pediatri che “stranamente” sembrino amare alcune marche di biscotti a discapito di cibi sicuramente molto piu’ nutrienti e salutari.

Sembra quasi di tornare indietro nel tempo, negli anni ’60-’70,  quando la pubblicità  tentava di lobotomizzare intere famiglie propinando baggianate sul latte artificiale, dichiarandolo migliore di quello materno.

Grazie ad anni di studio, alla banca del latte e all’ informazione scientifica riguardante i danni provocati da un mancato allattamento al seno,  quasi la totalità delle mamme oggi evita prodotti nutrizionali industriali per nutrire il proprio bambino. I vuoti da colmare però sono tanti e  la banca del latte, in questo senso, dona un  supporto fondamentale alle mamme perchè l’allattamento materno diventi davvero la normalità ma siamo sulla strada giusta.

Ora però, se è vero che una buona percentuale di bambini viene alimentata con latte materno almeno fino ai 6 mesi di vita, quello che è sconvolgente è la disinformazione su di un argomento così delicato come lo svezzamento.

Il latte materno, a differenza del latte artificiale, è particolarmente digeribile dal neonato e risulta ricco di proteine, sali minerali ma anche e soprattutto di anticorpi, come immunoglobuline, lattoferrina, globuli bianchi e lisozima che permettono una lenta e completa crescita ed un primo assestamento del sistema immunitario. La composizione del latte materno, pur variando da donna a donna, a seconda della richiesta della quantità di latte del neonato, in genere si adatta infatti ai fabbisogni ed alle capacità digestive del neonato nei primi mesi di vita. Il colostro compare durante i primi 4-5 gg dopo il parto, è un liquido vischioso e giallastro che fornisce circa 58 kcal ogni 100 ml, è di fondamentale importanza  per la crescita del neonato perché è un concentrato di proteine e sali minerali che garantiscono un rapido recupero del calo fisiologico.

Tra il 6° ed il 10° giorno compare il latte di transizione più ricco e cremoso che inizia con la montata lattea e subisce una graduale riduzione di proteine e sali minerali con un aumento di zuccheri e grassi.
Il latte definitivo compare alla fine del primo mese ed è un liquido bianco opaco, più dolce degli altri latti in natura perché più ricco di lattosio, contiene proteine, grassi, zuccheri, sali minerali e vitamine in quantità non elevate, immunoglobulina e lattoferrina. Grazie al giusto rapporto calcio/fosforo permette  un maggiore assorbimento di calcio e di ferro.


Il latte artificiale invece
, a causa della sua inferiore digeribilità rispetto al latte materno, porterà il bambino ad emettere feci piu’ solide anzichè semiliquide come nell’allattamento al seno.
Il mutare di aspetto delle feci, nonostante sia una normale risposta all’introduzione del latte artificiale e non va interpretato come stitichezza, può accadere in alcuni casi che,(cosa che non accade mai col latte al seno) le feci divengano troppo dure e asciutte, fino a raggiungere la situazione di vera stitichezza: e, in questi casi, è fondamentale rivedere l’alimentazione del bambino. A breve, per darvi altre fondamentali nozioni sull’argomento “allattamento”, parleremo della composizione del latte umano e quello artificiale, i vari tipi di latte artificiale e le sue controindicazioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...