ALIMENTAZIONE · DIVENTARE MAMMA · EVENTI

Test per le intolleranze alimentari: tutta una farsa?

intolleranze-alimentariSecondo uno studio condotto e pubblicato dall’ Istituto Nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione” (INRAN) del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, al fine di chiarire meglio funzione ed efficacia dei test per le intolleranze alimentari, negli utlimi anni, soprattutto in Italia, stanno sempre più dilagando test per le intolleranze alimentari approssimativi, fantasiosi, magici e soprattutto di moda che non hanno alcun fondamento scientifico.

Pur essendo molto diffusi, non sono approvati dalle Società di Allergologia, o dalla Federazione degli Ordini dei Medici, e mietono sempre maggior numero di incaute vittime. Queste metodologie sono sempre inefficaci, ma in alcuni casi possono anche essere non sufficientemente sicure e persino dannose, in quanto possono ritardare una diagnosi corretta e quindi l’applicazione dei provvedimenti terapeutici più idonei. Con questi test spesso si evidenziano delle presunte allergie o intolleranze a molteplici alimenti e sulla base dei risultati vengono prescritte diete approssimative, talora prive del necessario apporto calorico e/o vitaminico. Per la loro scarsa affidabilità non hanno infatti superato i controlli a cui sono stati sottoposti.

Rientrano in queste metodiche il test leucocitotossico, i test di provocazione/neutralizzazione, il test DRIA, i test di elettroagopuntura (VEGA, SARM, ecc), la kinesiologia applicata, la biorisonanza, l’analisi del capello.

Intolleranze alimentari e sovrappeso: c’è un legame?
Negli ultimi anni, parallelamente al dilagare del fenomeno obesità e di altre patologie legate all’alimentazione, si sono diffuse una serie di voci, miti e metodi diagnostici che non hanno fondamento scientifico e non sono peraltro riconosciuti dalla medicina. Intolleranze e sovrappeso sono fenomeni lontani tra di loro e non hanno legami. Al limite, se proprio vogliamo cercare una relazione tra i due, dovremmo propendere per un effetto sulla riduzione del peso, dato che determinando la mancata utilizzazione di un alimento da parte dell’organismo, ne ostacolano l’assorbimento. In ogni caso sono del tutto prive di senso affermazioni come “l’alimento a cui si è intolleranti causa un rallentamento del metabolismo e quindi un aumento di peso” e servono solamente ad arricchire qualcuno a discapito di qualcun altro.
Tutti i test non accreditati per le intolleranze alimentari infatti, oltre a diagnosticarne alcune che fanno da coreografia, riportano nei pazienti sovrappeso o obesi una intolleranza a latticini e lieviti. Togliendo dalla dieta pane, pasta, formaggi e dolci si tolgono circa 1000 kcal al giorno, alle quali “l’intollerante” rinuncerà, dimagrendo. Potenza della suggestione.
Purtroppo questo succede perché c’è un vuoto di conoscenze e di metodi affidabili per la diagnosi, che invece riveste un ruolo centrale in questo tipo di patologie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...